Visualizzazione post con etichetta Under16. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Under16. Mostra tutti i post

giovedì 29 novembre 2018

Dal Lago alle Valli

Dopo le fatiche del I° Autunno Scacchistico Bresciano, gli organizzatori e gli scacchisti bresciano ritornano in campo per le prossime tappe della Sesta Edizione del Grand Prix Semilampo Bresciano.

III^ Tappa Padenghe

Doppia gita domenicale a dicembre. Sono, infatti, due le tappe previste in questo mese. La prima domenica, 2 dicembre, condurrà i giocatori bresciani sul lago di Garda. Sarà Padenghe sul Garda, già sede di un Campionato Regionale Individuale e a Squadre Under 16, ad ospitare la III^ Tappa.
La Manifestazione prevede, come di consueto, due tornei, un Open e un Under16, e avrà sede presso la Scuola Primaria "M. Hack". Per le iscrizioni vi rimandiamo alla pagina del sito dell'Asd Scuola di Scacchi Torre&Cavallo (QUI). Postiamo il bando di gara completo e le classifiche generali dopo le 2 tappe finora disputate.


IV^ Tappa Lumezzane

Sempre a dicembre, domenica 16 per la precisione, si giocherà la IV^ Tappa. Gli scacchisti, con autentico spirito di viaggiatori incalliti, ritorneranno nelle valli. Si giocherà a Lumezzane, infatti, presso il centro commerciale Arcadia, storica sede dei tornei lumezzanesi.


In questa quarta tappa, oltre ai due tornei di cui si compone la manifestazione, si svolgerà anche un torneo riservato ai principianti. Come fatto per la precedente Tappa, postiamo in questo articolo i bandi di gara e vi rimandiamo al sito dell'Asd Scuola di Scacchi Torre&Cavallo per le iscrizioni.





Con queste due Tappe ravvicinate, si concluderà la disputa del Grand Prix per quanto riguarda l'anno in corso. Riprenderà, infatti, nel corso del nuovo anno la lotta per la conquista della vittoria in questa Manifestazione particolare.
Vi ricordiamo, inoltre, che anche a gennaio ci sarà una pausa dovuta all'organizzazione della Seconda Edizione del Torneo a Squadre Bresciano e del Campionato Provinciale Assoluto, che si giocherà a Gussago, con l'organizzazione dell'AD Scacchi Franciacorta.
Per il momento, prima delle feste natalizie, ci metteremo in viaggio, tra lago e valli, per aggiornarvi sui risultati della Terza e Quarta tappa.

mercoledì 21 novembre 2018

I° ASB: buona la prima, ma con riserva

Dopo un lungo periodo di assenza ritornano gli Open validi per le variazioni Elo in provincia di Brescia. Per quasi tre anni, infatti, l'unica occasione per poter giocare in un torneo a tempo lungo e valido per l'acquisizione delle categorie e delle variazioni Elo, è stato l'appuntamento irrinunciabile del Campionato Provinciale Assoluto.
Dopo i tentativi del Circolo Scacchi Ghedi con due edizioni dell'Open d'Autunno, questa volta, quattro Circoli bresciani si sono uniti per dar vita al I° Festival Week-End Autunno Scacchistico Bresciano, di cui vi avevamo dato notizia in un nostro precedente articolo (QUI).
Dobbiamo, purtroppo, nonostante il discreto risultato trattandosi di una prima edizione, sottolineare che la partecipazione non è stata certo entusiasmante. La Manifestazione, suddivisa in un torneo Open ed in uno Promozione, ha raccolto in tutto 38 partecipanti. Il 14% di tutti i giocatori tesserati con i cinque Circoli del bresciano. Un dato che lascia l'amaro in bocca, addolcito appena dalle tante concomitanze nei due fine settimana in cui si è svolto il torneo, e che segna, forse, in via definitiva, l'abbandono della formula doppio Week-End.
Come dicevamo sopra, tuttavia, gli organizzatori, che molto impegno hanno profuso nel cercare di organizzare al meglio questo appuntamento, hanno l'intenzione di ripetere anche per il prossimo anno l'Autunno Scacchistico, con delle novità e con una formula meno impegnativa per i giocatori.
Accogliamo, quindi, il ritorno di tali manifestazioni come un dato positivo ed un traguardo raggiunto dallo sviluppo del movimento scacchistico. Pochi anni addietro, difatti, sarebbe stato impossibile solo pensare di poter organizzare una tale manifestazione.

I Risultati

Soddisfazioni agonistiche sono, del resto, arrivate per tutti i quattro Circoli bresciani rappresentati. La Compagnia della Torre ha fatto incetta di podi nei due Tornei.
Nell'Open, infatti, si è classificato primo assoluto con 5 punti su 6, imbattuto, il Candidato Maestro Bosio Devis; premio di fascia, miglior Seconda Nazionale e quinto posto assoluto, per Bortolotti Francesco; primo e secondo degli Under16, rispettivamente, Benedetti Alex e Bortolotti Alessandro. Due i podi, invece, nel torneo Promozione, con Rusanov Ernest, 5 punti su 6, e Bergomi Fabrizio con 4 punti su 6, mentre Celato Sebastino conquista il premio come miglio Under12.
La Asd Scuola di Scacchi Torre&Cavallo piazza, da parte sua, sul secondo gradino del podio e sul terzo, rispettivamene, il Candidato Maestro Agnelli Francesco con 5 punti su 6 e il Prima Nazionale De Angelis Helaman; terzo classificato Under16 Cedoni Gabriele che chiude il suo torneo con 2,5 putni su 6.
L'Ad scacchi Franciacorta, invece, conquista con il Candidato Maestro Cesare Cristiani, a 3,5 punti su 6, il premio di fascia, mentre nel torneo Promozione Bracchi Davide, al suo primo torneo, con 4 punti su 6 conquista il premio come miglior Under14.
L'Asd Circolo Scacchi Ghedi, infine, piazza al quarto posso assoluto l'Inclassificato Delia Andrea che, con 4 punti su 6, è stato autore di una performance da Candidato Maestro; nel torneo Promozione conquista il terzo posto Bozzoni Paolo, con 4 punti su 6, mentre Zoni Tiziano vince il premio come miglior Under8.


La Manifestazione è stata ben diretta dall'AR Migliorati Michele e dall'AN Brigati Alessandro.
Gli Organizzatori ringraziano, infine, l'ospitalità presso la sede Provinciale dell'Avis di San Zeno.

mercoledì 17 ottobre 2018

Un Viaggio a Bagolino

Geometricamente un viaggio non è altro che lo spostamento da un punto A di partenza ad un punto B di arrivo. Nulla, insomma, di più insignificante e indifferente. Esattamente, come per noi scacchisti, è una mossa sulla scacchiera.
Gli scacchisti sanno, tuttavia, che spostare un pezzo non è soltanto un questione geometrica, fisica e scientifica. Si perderebbe, altrimenti, nel vagobondare tutto quel partire da un punto ed arrivare in un altro. La mossa è parlare, dire, comunicare, sottendere, imparare, comprendere, apprendere. Esattamente, come per i viaggiatori, un viaggio arricchisce lo spirito di chi si protende dalle proprie radici ad altri rami.
Chi sta fermo e non si discosta da se stesso, raramente acquisisce qualcosa d'altro a se stesso. Bastante al proprio spirito, infatti, rinuncia all'accrescimento di altre facoltà che si assopiscono nell'orgoglio delle proprie patrie origini.
Ho conosciuto mille e milioni di partite, ho fatto miliardi e centinaia di mosse: sono ancora curioso di scoprire tutte quelle che non ho fatto, che non ho conosciuto, quelle che mi hanno raccontato e non ho ancora visto.
Eravamo a Lodi, un giorno lontano di qualche e più anni addietro, il Candidato Maestro Fracesco Agnelli ritorna sul luogo del torneo, per quello eravamo arrivati fin là. Comincia, allora, approfittando del ritardo nell'inizio delle partite, a parlare della sua visita ad un luogo, chiudendo con: "Ma non si può arrivare fin qui e non andare a vedere". Il motivo del viaggio, evidentemente, è solo il movente, la scoperta è sempre lo scopo.
Approfittate di un movente qualsiasi, allora, e viaggiate. Vogliamo, anzi, fornirvi un interessato movente e una nuova meta di ricerca.
Domenica 28 ottobre si giocherà la Seconda Tappa del Sesto Grand Prix Semilampo Bresciano.

BANDO II^ TAPPA VI GPB

ISCRIZIONI AL TORNEO

Ad ospitare i Circoli scacchistici bresciani sarà il Comune di Bagolino, ultimo paese a nord della Valle Sabbia. Il paese, a dispetto della sua posizione isolata, vanta una storia antichissima. La disposizione abitativa del paese, tipicamente medioevale, è caratterizzata da case di notevole altezza, addossate una all'altra con elementi architettonici e decorativi di non poca importanza: portici, sottopassaggi, piccole terrazze, ballatoi, inferriate in ferro battuto, affreschi murali. Numerose scalinate conducono alla parte alta del paese, sovrastato dalla monumentale parrocchiale di S. Giorgio (terza per grandezza nel territorio bresciano), scrigno di parecchie opere d'arte di insigni maestri: Tiziano, Tintoretto, Palma il Giovane, Torbido, Sandrini, Lucchese...
Tre miglia fuori paese”, come le nuove regole del codice napoleonico imponevano, si può vedere il Vecchio Cimitero con le cappelle rivolte sulla strada e, al suo interno, le semplici croci in ferro. Se è vero, come è vero, che la storia di un paese si legge sui muri delle case, una passeggiata nelle strette vie acciottolate  che percorrono il borgo può risultare piacevole e interessante.
L'Asd Scuola di Scacchi Torre&Cavallo da anni svolge corsi presso le Scuole e la Biblioteca che, per l'occasione, dalle 14:30 vi guiderà alla scoperta di questo paese montano. Grazie anche alla collaborazione con la Pro Loco, potrete usufruire di una convenzione Pasto presso alcuni ristoranti.

Primo, secondo con contorno, acqua e caffè  € 10
Trattoria Al tempo perduto Via S.Rocco  tel 0365.99145
Trattoria Cerreto da Davide           tel 0365.903227
Ristorante Piccolo Hotel -Cerreto         tel 0365.99208.
Opportuna la prenotazione

Il movente ora lo avete, non vi resta che viaggiare alla scoperta di meraviglie infinite e del nostro territorio e di voi stessi.

mercoledì 10 ottobre 2018

Certe Domeniche a Brescia

Si aggirano per Brescia. Non molti li conoscono. Altri più numerosi si chiedono, senza trovare alcuna risposta, perché di domenica? Per quale motivo, sparse auto in fila indiana, aumentano il traffico delle strade in provincia? Pochi hanno il coraggio di seguirli, per paura di scoprire che i luoghi frequentati da costoro possano smarrirli in vie sconosciute, mumerose più delle galassie stesse.

L'esistenza di certi mondi

Ci vorrebbe un diario di bordo, per neofiti e coraggiosi avventurieri. Immaginate il Delegato Provinciale con il suo diario: "Brescia, data astrale: 30 settembre 2018. La nostra missione è portare il cervello in palestra. Per questo motivo, il comando spaziale dei quattro pianeti alleati, ci ha inviato sul pianeta Marcheno..."
Servirebbe proprio, come una serie documentario sugli scacchisti: " Lo scacchista non è un animale fantastico, vive tra noi e si mimetizza tra gli uomini e le donne. In genere, sembra adattarsi bene all'ambiente. Per farlo uscire allo scoperto, e svelarvi tutti i segreti di questo incredibile essere, abbiamo ripodotto il suo ambiente naturale: un torneo di scacchi a Marcheno. Ecco, potete notare come..."
Se le persone sapessero gli sforzi immani per far conoscere alla gente comune che, sì, gli scacchi esistono e fanno uno sforzo immenso per giungere nel cuore e nella mente di chi li conosce, ma pensa che sia meglio evitarli!
Sapete cosa fa un istruttore per al maggior parte del tempo che dedica ad un corso per adulti? Sfata miti e leggende: gli scacchi sono lenti e noiosi; certo bisogna pensare 30, 40 mosse in avanti; gli scacchi sono difficili, non sono per tutti... E d'altre simili leggende.

Delle ragioni per esplorare

Sapete, per fare un torneo di scacchi basta appena un pomeriggio: gioco sette partite, senza noia e con un buon tempo per pensare, senza dover contare le ore come le pecore al letto; faccio una buona merenda e conosco persone con idee e mosse diverse (alla faccia dei pensieri unici, di cui ci riempiono il cervello i social, i giornali e altri animali fantastici trovati sulle schede elettorali). Sapete, non può essere difficile né poco divertente un gioco che diverte ed appassiona schiere di bimbi dai 7 ai 10 anni.
Anche se non li conoscete, sono gli scacchisti che si aggirano per Brescia. Si dirigono presso la sede di un torneo, per divertirsi, per vincere, per non perdere, per mettersi alla prova, per conoscere nuovi avversari, per imparare nuove partite, per vedere partite che non giocheranno mai, per conoscere luoghi nuovi, per fare amicizie per caso...Per giocare a scacchi e vincere il Grand Prix Bresciano!
Domenica 30 settembre, a Marcheno, come già da noi anticipato (QUI), si è giocata la prima tappa che ha avuto una buona partecipazione. Noi, dopo tutto questo, vi lasciamo le classifiche, le immagini e le parole di chi gli scacchi li ha conosciuti e non li ha evitati.





Prima di procedere avviso ai naviganti, domenica 28 ottobre traffico migratorio di scacchisti in direzione Bagolino!

La Premiazione



domenica 16 settembre 2018

Ricci Curbastro: Giovani e Vecchi Maestri

Si è svolto ieri, sabato 15 settembre, il Memorial Ricci Curbastro. Torneo divenuto oramai tradizionale appuntamento del calendario scacchistico bresciano, come anticipato in un nostro articolo che potete rileggere QUI.
In un caldo pomeriggio di un'estate settembrina, le cantine dell'Azienda agricola Ricci Curbastro hanno ospitato ben 33 agguerriti scacchisti. Ottima, quindi, la partecipazione per questa Quinta Edizione. Come di consueto due i tornei dipsutati: un Open Assoluto, che ha registrato 24 giocatori presenti;  un Torneo Under 16, con 9 piccoli scacchisti ai nastri di partenza.

Il Torneo Junior

Partiamo, allora, proprio dai giovani. A spuntarla e salire sul gradino più alto del podio è stato Cirelli Ramon che ha chiuso il torneo con 7,5 punti su 8; a conquistare il secondo posto è stato Bracchi Davide, distaccato di un solo punto; sul gradino più basso sale, invece, Bergoli Carlo che ha ottenuto 6 punti su 8. Un buon inizio di stagione per questi ragazzi, che avranno sicuramente modo di farsi valere durante i tornei giovanili del Grand Prix Semilampo Bresciano.


Il Torneo Open

Ritornando all'Open Assoluto, è innanzitutto da sottolineare la forza del torneo. Dando, infatti, un rapido sguardo alla lista dei partecipanti, si nota subito che conquistare un posto al sole era arduo ed impegnativo. Per darne una visone completa vi abbiamo preparato un grafico, dal quale potrete velocemente comprendere la qualità della manifestazione.



Memorial Ricci Curbastro Statistiche
Scheda Statistica
Forza e qualità che, del resto, si sono riflesse anche nella classifica finale. Sono infatti arrivati a pari punti, 5,5 su 7, i primi tre del torneo e solo lo spareggio tecnico ha deciso su quale gradino del podio dovessero mettere i piedi. A spuntarla per il primo posto è stato il giovane Maestro Fide bresciano Lumachi Gabriele, che ha avuto la meglio sul veterano Candidato Maestro Agnelli Francesco, mentre sull'ultimo gradino del podio è arrivato il Candidato Maestro Gosio Denis.
Una menzione particolare merita anche la prestazione di Magnani Lorenzo, già vincitore del Lampo di Fine Estate di Manerba del Garda, che si conferma in grande crescita e forma. Ha chiuso, infatti, la sua prestazione con un brillante 5 su 7, chiudendo al quarto posto.


Considerazioni Finali

Chiudiamo questo nostro aggiornamento con due note a margine.
Quest'anno, purtroppo, il Memorial è capitato a ridosso del Campionato Under 16 a Squadre, questo non ha favorito la partecipazione degli altri Circoli impegnati a preparare questo importante evento. La partecipazione registrata, tuttavia, denota quanto il Circolo storico della provincia di Brescia goda di ottima salute.
Il secondo gradino del podio è stato conquistato da un semprevivo Francesco Agnelli. Lo scrivente ignora quante siano le edizioni di questo torneo vinte dal Candidato Maestro bresciano, ma questo ennesimo e molti altri risultati dimostrano, se ce ne fosse ancora bisogno, quanto il titolo di Maestro è perfetto e giusto davanti al suo nome.


martedì 11 settembre 2018

I Tappa VI GPB: Settembre a Marcheno

Foto premiazione V Grand Prix Bresciano
Non sarà certo uno di quei traumi da indurci ad andare dallo psicologo, tuttavia settembre, con la sua battaglia della sera che raggiunge sempre prima il tramonto, in una gara senza soluzione di continuità, e le sue albe che stridono tra i ricordi, profumi e cibi delle vacanze e i buongiorno ritmati dalla routine al lavoro; settembre, dicevamo, si prende la libertà di arricchirci con le sue prime coperte, fatte di malinconia e leggera depressione.
Non so, se ancora oggi, i Tg ripropongono quegli inutili servizi per allontanarvi dai vostri cicli biologici, da benedire con la vita, poiché da sola basta a guarire da tali ed altre sante emozioni. E sì, soddisfo la vostra curiosità, la Tv l'ho barattata con un Pirandello, lasciando al discernimento d'ognuno su chi o cosa abbia tratto vantaggio da questo mercato.
Allora, cosa facciamo, resteremo assopiti finché altre onde e creste non verranno a rubarci al lavoro? No, cari lettori. Seguite l'esempio degli scacchisti: la vita si combatte con la vita!
Gli scacchisti bresciani, sicuramente, avranno già preso appunti ad agosto. Molte nuove battaglie li aspettano sul territorio provinciale e altri viaggi, incontri e ricordi da collezionare si prospettano vicini, e ricchi di nuove sfide.
Tra pochi giorni, infatti, riprenderà il via ufficialmente la stagione scacchistica bresciana con il Campionato Under 16 a squadre, di cui vi avevamo dato notizia in nostro articolo (QUI). Molti altri sono gli appuntamenti amatoriali che hanno già preso il via o avranno luogo nelle prossime settimane.

PRIMA TAPPA: MARCHENO

Settembre è sempre un mese ricco di appuntamenti, il più atteso dei quali, da sei anni a questa parte, è diventato, senza ombra di dubbio, il Grand Prix Semilampo Bresciano. Come ogni anno, il carrozzone scacchistico visiterà dieci comuni della provincia di Brescia, i quali patrocineranno le varie tappe. Gli scacchisti, giovani e meno giovani, invece, lo inseguiranno per dieci mesi, da settembre fino a giugno, per essere eletti, ognuno nella propria categoria, vincitori della manifestazione.
Ad ospitare la prima tappa di questo evento, sarà Marcheno, presso la Scuola Primaria “Tito Speri”, domenica 30 Settembre. Scelta che non è stata casuale. L’Istituto Comprensivo di Marcheno, infatti, è stato uno dei primi, sin dal 2013, a inserire il progetto “Scacchi a Scuola” tra le attività scolastiche. Non a caso, infatti, il comune montano della Val Trompia, che tra il 1906 e il 1934 ha ospitato anche una fermata della tranvia delle Val Trompia, è uno dei paesi che,  nel corso di tutti questi anni, numerose manifestazioni scacchistiche ha ospitato presso le sue sedi.
La Manifestazione, suddivisa in un Open aperto a tutti ed un torneo riservato agli Under 16, prevede 7 turni di gioco a sistema svizzero con cadenza di 12 minuti più 3 secondi a mossa, assegnati dall'inizio della partita ad ogni giocatore. Verranno premiati i primi 3 di ciascun torneo e, inoltre, i primi di ogni categoria per quanto riguarda l'Open, mentre tra gli Under 16 riceverà un premio anche il primo classificato tra quanti frequentano le scuole Primarie.
Per tutte le altre informazioni, per le iscrizioni e maggiori dettagli potete visitare la pagina ufficiale della manifestazione, di cui vi alleghiamo link diretto.

BANDO, ISCRIZIONI E INFORMAZIONI

Non vi resta che mettere da parte il vostro tepore settembrino, scrollarvi, come briciole sulla maglia i ricordi che vi tengono al guinzaglio della nostalgia estiva, e correre verso nuove battaglie di vita, pardon di scacchi!

domenica 12 agosto 2018

Sesta Edizione del Grand Prix

Ogni anno, da sei anni ormai, puntuale come una stella cadente nella notte di San Lorenzo, mi accingo a scrivere un articolo di presentazione del Grand Prix Bresciano di scacchi. Creatura a dire il vero che è diventata grande, anche grazie alle amorevoli cure del genitore1, del genitore2 e fino ai nostri giorni che i genitori son diventati quattro!
Quello che non ho mai fatto, invece, è raccontarvi come è nato questo evento. Non è certo una storia edificante, e non ne trarrete certo nessun vantaggio, se non quel po' di sazietà che nutre la conoscenza dei fatti, cosa alquanto fuori moda di questi tempi.
Bisogna, innanzitutto, fare una piccola premessa: che cosa definisce la professionalità? Senza scomodare i dizionari, che pure potete dal peso della polvere liberare a vostro libero arbitrio, possiamo concordare che è qualità di chiunque svolga il proprio lavoro con competenza, scrupolosità e preparazione sufficiente. Qualità che, non vi sarà sfuggito, non si lasciano di certo intaccare dall'esasperazione (tuttavia questo è un fuori tema), né tantomeno prevedono la mania di protagonismo e l'esigenza di risultare alle cronache mondane, sperando così di lasciare memoria.
Non mi sono perso e non sto affatto farneticando: è proprio in questo modo che è nato il Grand Prix. Qualcuno, la cui scrupolosità e competenza voleva riversare nel mondo delle case bianche e nere, ha incontrato qualcun altro, chiedendo una riunione con tutti gli altri, per far nascere qualcosa che andasse oltre il semplice obiettivo di dare un passatempo di qualche domenica agli scacchisti bresciani. Sapete, poi, come vanno le cose. Da cosa nasce cosa, il Grand Prix ha continuato a coinvolgere scacchisti, giovani; a trovare soluzioni regolamentari nuove; a fare errori, per poi correggerli; a coinvolgere i comuni ospitanti; ad abbandonare la dicitura ludica "amatoriale", finendo con l'omologare ogni tappa.
Gli organizzatori (Asd Scuola di Scacchi Torre&Cavallo, Asd Circolo Scacchi Ghedi, AD Scacchi Franciacorta e Asd La Compagnia della Torre), certo, non hanno un compito facile nel far conciliare punti di vista e interessi del movimento scacchistico, ma la soddisfazione di aver raggiunto un risultato, all'inizio neppure sperato, sicuramente eccellente, in una provincia che fino a sei anni fa non eccelleva per tornei organizzati, li rende orgogliosi e allevia la fatica della macchina organizzativa.
Passiamo, ora, alle informazioni utili. Vi invitiamo, prima di tutto a dare uno sguardo approfondito al Regolamento Generale, basterà cliccare sul link sottostante:


Le novità più importanti, avrete notato, sono il sistema di punteggio e la regolamentazione alla partecipazione Under16. Quest'ultima permetterà, nelle intenzioni degli organizzatori, ai giovani più forti di poter confrontarsi nel torneo Open, consentendo loro di aumentare la loro esperienza, ed allo stesso tempo permetterà di avere una lotta più equilibrata tra gli Juniores. Altra novità da segnalare, la ripartizione del Montepremi e la conseguente assegnazione di alcuni ruoli, che garantiscono una maggiore trasparenza sia per gli organizzatori, che per i giocatori partecipanti. Permettetemi, infine, di sottolineare come lo sforzo dei quattro Circoli abbia ottenuto un obiettivo non da poco: la definizione di un calendario, redatto fino a febbraio 2019, che difficilmente subirà variazioni.
Come ogni anno, insomma, è tutto pronto. Quest'anno più di altri, visto che tutti gli aspetti organizzativi sono stati definiti e regolamentati prima dell'inizio di settembre. Non ci resta che augurare a tutti gli scacchisti un stagione ricca di successi o, almeno, battaglie all'ultimo scacco, ad ogni modo un "buon gioco a tutti".

sabato 19 agosto 2017

V Grand Prix Bresciano

Questo Blog è nato nello stesso anno di questa Manifestazione, oramai un appuntamento fisso nel calendario scacchistico bresciano. In verità, l'intento era anche quello raccontare le vicissitudini di ogni tappa, i protagonisti, le partite e le persone. L'autore, come sapete dagli altri articoli, ha perso il filo conduttore per forzata assenza e altre quisquilie.
Il Grand Prix ,nato sotto la protezione dei tre Circoli Bresciani, invece, ha continuato a fare molta strada dal 2013 ad oggi. Anche quando, come la stagione trascorsa, è rimasto in piedi grazie alla pervicacia ed infaticabilità del Delegato Provinciale Aristide Zorzi, presidente della Asd Scuola di Scacchi Torre&Cavallo.
Il Grand Prix, nella stagione che sta per iniziare, riparte forte di tutti i tre i Circoli: l'A.D. Associazione Scacchi Franciacorta e l'Asd Circolo Scacchi Ghedi, ritornano, insieme al circolo di Sarezzo, a organizzare questa Quinta Edizione.



Molte sono le novità che attendono gli scacchisti, ma è doveroso mettere l'accento su quella più importante, perché figlia del successo della Manifestazione, oltre che alla solita iniziativa del Delegato Provinciale: tutte le Tappe sono patrocinate dai rispettivi Comuni ospitanti, un riconoscimento dell'interesse che il movimento scacchistico bresciano sta ottenendo in provincia.
Passiamo, ora, alle novità di questa Quinta Edizione. Come ogni anno il circuito è suddiviso in 2 tornei, un Open aperto a tutti ed uno Juniores, aperto ai giovani. Da quest'anno tutte le tappe saranno omologabili Fide Rapid. Per i più giovani questo vuol dire la partecipazione alla Challenge Giovani della Lombardia.  Per tutti gli altri, invece, vuol dire avere un metro ufficiale del proprio gioco e valore.
Entreranno a far parte del Circuito il Campionato Provinciale Assoluto e il Campionato Semilampo Provinciale. E' stato, inoltre, modificato il sistema di punteggio. Per ogni altra informazione potete leggere o scaricare il regolamento completo.

REGOLAMENTO COMPLETO V GRAND PRIX BRESCIANO

La prima tappa di questa nuova avventura scacchistica si giocherà a Lumezzane Domenica 24 Settembre.
Non ci resta che augurare a tutti buone partite o sconfitte!!